Proprietà e benefici dell’olio di fegato di merluzzo

L’olio di fegato di merluzzo è un prodotto che si ottiene dalla lavorazione del fegato del merluzzo fresco pescato. L’olio di fegato di merluzzo ha la caratteristica di essere un’ottima fonte di acidi grassi della serie omega 3, in particolare di EPA e DHA, e contiene naturalmente vitamina A e D: questo lo rende un integratore alimentare completo sotto diversi punti di vista.

Cenni storici

L’olio di fegato di merluzzo ha una lunga storia sia nella medicina popolare che in quella tradizionale del nord Europa. È considerato un prodotto d’élite in Scozia ed in Norvegia, in quanto viene utilizzato per scopi medicinali da secoli. La prima nota ufficiale dell’utilizzo di olio di fegato di merluzzo in medicina è da attribuirsi al Dr. Darbey, di Manchester, nel 1789, che lo propose come rimedio ai reumatismi. Nel 1824, in un giornale di medicina tedesca, per la prima volta fu proposto l’olio di fegato di merluzzo come rimedio contro il rachitismo.

Ad oggi esistono numerosissimi studi che trattano e dimostrano i benefici di un’integrazione regolare a base di olio di fegato di merluzzo, prevalentemente grazie agli acidi grassi EPA e DHA e alle vitamine D ed A che contiene.

Benefici degli omega 3

Gli acidi grassi della serie omega 3 (in particolare EPA e DHA) svolgono un’importante azione antinfiammatoria nell’organismo: contrastano infatti l’azione pro-infiammatoria che deriva dagli acidi grassi omega 6 (in particolare dall’acido arachidonico e i suoi derivati). Inoltre, gli omega 3 sembrano in grado di regolare positivamente le risposte del sistema immunitario ed anche la proliferazione cellulare. Proprio grazie a queste proprietà, descritte in vari articoli scientifici,  gli omega 3 sembrano poter essere molto utili se integrati nella terapia  per diverse  patologie a carattere infiammatorio (malattie intestinali, malattie reumatologiche, artrosi e malattie dell’apparato osteoarticolare…) e di malattie autoimmuni (psoriasi, diabete I e II, tiroiditi ecc..).

Notoriamente gli omega 3 sono conosciuti per le proprietà benefiche sull’apparato cardiovascolare. Infatti, un’assunzione regolare di acidi grassi omega 3 sembra in grado di mantenere normali livelli di trigliceridi nel sangue, e se assunti in dosi specifiche possono determinare il mantenimento di una corretta pressione arteriosa. Gli omega 3, se consumati con regolarità, possono avere un effetto antitrombotico e possono ridurre l’aggregazione piastrinica, riducendo il rischio di insorgenza di infarto ed ictus.

Ma gli effetti positivi degli omega 3 non finiscono qui: il DHA, un particolare acido grasso omega 3, è uno dei componenti essenziali delle membrane cellulari di retina e cervello. Da questo ne deriva che un’assunzione adeguata di questo acido grasso possa avere un effetto protettivo nei confronti del mantenimento di una buona vista e di una buona attività cerebrale, dall’età evolutiva fino alla terza età. Inoltre, recenti studi hanno dimostrato che una regolare integrazione con omega 3, in particolare DHA, può ridurre significativamente i disturbi derivanti da malattie neurologiche o psichiatriche.

Gli omega 3 vantano quindi numerosissime proprietà benefiche per la salute, in particolare EPA e DHA. Le fonti principali di questi acidi grassi sono alimenti di origine marina, come pesci grassi ed alghe. Il fegato del merluzzo è una delle principali fonti naturali di omega 3, in particolare EPA e DHA.

Che differenza c’è tra olio di pesce ed olio di fegato di merluzzo?

Sia l’olio di pesce che l’olio di fegato di merluzzo sono fonti importanti di omega 3, ma non sono esattamente la stessa cosa, in quanto vengono prodotti con tecniche diverse.

L’olio di pesce è generalmente ricavato dai tessuti (prevalentemente muscolo) di pesci grassi (tra cui tonno, salmone, acciughe e sardine). Viene prodotto pressando il corpo del pesce, precedentemente cotto, e separandolo successivamente dagli scarti. Viene poi aggiunto un antiossidante, generalmente la vitamina E, per evitarne l’irrancidimento. Talvolta viene aggiunta anche la vitamina D.

L’olio di fegato di merluzzo invece viene estratto esclusivamente dal fegato del merluzzo, che viene cotto a vapore (senza calore eccessivo o sostanze chimiche aggiuntive). Viene poi sottoposto a filtrazione, ed eventualmente viene aggiunta vitamina E per evitare l’irrancidimento. L’olio di fegato di merluzzo contiene naturalmente vitamina A e D, che vengono preservate anche nel prodotto finito. La carne del merluzzo viene utilizzata nell’industria alimentare.

Da un punto di vista di concentrazione, a causa dei processi di lavorazione le capsule di olio di pesce sono più concentrate (30% circa di EPA e DHA) rispetto alle capsule di olio di fegato di merluzzo (che contengono circa il 20% di EPA e DHA). Solitamente però, l’olio di fegato di merluzzo si assume in forma liquida, e questo gli offre due grandi vantaggi: può essere assunto anche da chi fatica ad inghiottire capsule (bambini, anziani, disfagici), e per dose (5ml) ha un alto apporto di EPA, DHA, vitamina A e D.

Per quanto riguarda la biodisponibilità e l’assorbimento, recenti studi dimostrano che entrambi gli oli hanno buona biodisponibilità e sono ben tollerati dall’organismo.  

Bibliografia

  • Fatima F, Memon A, Zafar S, Amar Z, Talpur AS, Hashim S, Maqsood H, Hafizyar F, Kumar B. Role of Cod Liver Oil in Reducing Elevated Lipid Parameters. Cureus. 2021 Jun 9;13(6):e15556. doi: 10.7759/cureus.15556. PMID: 34277179; PMCID: PMC8271090.
  • Holick MF. Vitamin D and bone health: What vitamin D can and cannot do. Adv Food Nutr Res. 2024;109:43-66. doi: 10.1016/bs.afnr.2024.04.002. Epub 2024 May 16. PMID: 38777417.
  • Mal M, Kumar A, Meraj A, Devi A, Mañego AMB, Anjum Z, Naz S, Jamil A, Fatima A, Kumar B. Role of Cod Liver Oil in Preventing Myocardial Infarction. Cureus. 2021 Jun 30;13(6):e16067. doi: 10.7759/cureus.16067. PMID: 34345552; PMCID: PMC8324067.
  • van der Meij BS, Mazurak VC. Fish oil supplementation and maintaining muscle mass in chronic disease: state of the evidence. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2020 May;23(3):164-173. doi: 10.1097/MCO.0000000000000648. PMID: 32167986.
  • Damaiyanti DW, Tsai ZY, Masbuchin AN, Huang CY, Liu PY. Interplay between fish oil, obesity and cardiometabolic diabetes. J Formos Med Assoc. 2023 Jul;122(7):528-539. doi: 10.1016/j.jfma.2023.03.013. Epub 2023 Mar 29. PMID: 37002172.
  • AlAmmar WA, Albeesh FH, Ibrahim LM, Algindan YY, Yamani LZ, Khattab RY. Effect of omega-3 fatty acids and fish oil supplementation on multiple sclerosis: a systematic review. Nutr Neurosci. 2021 Jul;24(7):569-579. doi: 10.1080/1028415X.2019.1659560. Epub 2019 Aug 28. PMID: 31462182.
  • Saray GutiérrezSara L SvahnMaria E Johansson. Effects of Omega-3 Fatty Acids on Immune Cells. Int J Mol Sci  2019 Oct 11;20(20):5028. doi:10.3390/ijms20205028.

What is good health?

Do you have a good lifestyle?

Lifestyle simply means the way in which you live. Health and lifestyle go hand in hand. You might feel you have a good lifestyle if you are physically active, eat healthily and generally experience a sense of wellbeing. Conversely, if you want good health you should also have a good lifestyle.

Physical activity is the major contributor to a good lifestyle, but diet, drugs, stress, sleep and social conditions are also play an important role. Being able to use the body properly to avoid injury also affects lifestyle. Physical activity can also prevent depression and help you to recover more quickly from mental illness, both of which obviously affect your lifestyle.

Diet can be a difficult topic for many. Perhaps you eat too much or too little or maybe you find it hard to know what foods to combine to have a balanced diet. It’s also important to eat food that contains important vitamins, minerals and dietary fibre, omega-3 and antioxidants. On top of all this, you also need to get enough energy, protein and the correct fatty acids. The requirement for these nutrients changes throughout your life. When you are older you also have different requirements than children and younger adults. Women also have different requirements than men. Pregnant and breastfeeding mothers also have special requirements.

When you get older, you lose muscle mass and your body requires less energy and therefore less food. You may lead a less active life than you did before, which is why you require less food. However, your need for minerals, vitamins and other nutrients remains the same. Of course, there are plenty of healthy and active older people, but when you reach 70 to 80 years of age, it’s easier to become ill, especially during flu season.

Some steps you can take to improve your lifestyle and health are to:

What is good quality of life?

The World Health Organisation (WHO) defines quality of life as a state where the individual can realise their potential, cope with normal stressful situations, work in a rewarding and positive way, and be able to contribute to others and society. 

Quality of life is a wide and somewhat diffuse concept that includes joy in, and a desire for, life. These are values that are rather felt than measured, which in turn are based on personal environment and choices. Quality of life doesn’t necessarily depend on being healthy or sick. It’s the moments between worries, sorrows, problems and ailments that matter. For example, if you have a chronic illness, a feeling of mastery can be important when talking about quality of life.

To sum up, quality of life is a combination of health, lifestyle, networks and social support. It’s about experiencing joy, meaning in life, satisfaction, security and a sense of belonging, as well as being able to use your strengths. It’s also about feeling interest in life, coping with everyday situations and a being committed to something or someone. If you have good quality of life, you will be able to cope better with the inevitable stressful situations in life.

Our products